Archivio post

Un' Italia da rottamare. - Analisi socio - politica di uno stivale.

Le occasioni mancate a 'sinistra'; analisi sociale e politica del Bel Paese.

Al solito questa disputa tra 'ospitare' o meno profughi e immigrati clandestini mi porta a fare delle considerazioni, sia dal punto di vista umanitario che politico.


Questione politica estera: l'Italia ha sempre cercado di farsi grande dinnanzi alle altre Nazioni. Questo concetto si è allargato in Eu dopo la politica estera della prima Repubblica, delle volte molto discutibile. A questo si sommano accordi internazionali per i profughi la volontà, mentre il Paese cola a picco, di acquistare aerei per partecipare ad azioni internazionali di guerra.  Niente di nuvo direi, tendenza che ha avuto inizio con Cavur, Mussolini e poi questi partiti contemporanei. Dicotonia tra reali possibilità e quello che vuoi far vedere all'esterno. Definizione: furbetto all'italiana.

Questione politica interna: la povertà è un concetto che questa Seconda Repubblica non ritiene di propria pertinenza di affrontare. Avendo lasciato incompiute le riforme strutturali e costituzionali il colare a picco del nostro paese è ormai questione di tempo. Quanto ? Sei milioni almeno di risposte affermative a questa domanda. Numeri spesso dimenticati o volutamente ignorati.


In questo contesto di insicurezza sociale e di visioni, realistiche, di un fosco futuro i flussi migratori, sui barconi tanto per capirci, ed i profughi in albergo. 


Responsabilità politiche e di Governo: abbiamo due atteggiamenti diremmo opposti, almeno in apparenza. Spendiamo qualche parola prima per la 'destra': estremamente populista la questione della sicurezza che in realtà pone fuori del controllo un numero di persone prive di documenti ufficiali in Italia. Crea manodopera per la criminalità, delinquenza di strada ed emargina queste persone mentre si dovrebbe integrarle. Per attuare questo processo si realizza ancora la 'politica del terrore', senza le bombe del terrorismo, ma additando le persone come diverse e 'pericolose'.
La sedicente 'sinistra' ha diverse responsabilità, a parte che lascia fare a questo allarmismo sociale privo di fondamento quasi sempre. A questi non interessa riformare il welfare e creare ammortizzatori sociali per il lavoro precario. Questo aumenta l'insicurezza sociale e porta vantaggio a 'destra'. Danno seguito solamente ideologicamente alle accoglienze senza pensare ( a mio avviso volutamente ) alle conseguenze che questo agire porta nel medio e lungo periodo. E' normale che una persona alla quale viene negato ogni più basilare diritto si sente 'rubare il pane da bocca' quando arrivi da un'altro paese e ti viene data ogni cosa.







Gilberto Mattei
Tratto da: Un' Italia da rottamare. - Analisi socio - politica di uno stivale.

la-voce-dei-goriziani 



Posta un commento